Cimitero di Zagabria, il Mirogoj

di
Cimitero di Zagabria © Andrea Lessona

Cimitero di Zagabria © Andrea Lessona

Sulle pendici del monte Medvednica, venti cupole rame delineano il cimitero di Zagabria. Considerato uno dei parchi monumentali più belli d’Europa, è davvero una galleria d’arte a cielo aperto.

Me ne accorgo appena entro nel suo silenzio, e con lo sguardo seguo l’arcata neo rinascimentale: lunga oltre cinquecento metri cinge padiglioni sofisticati, intercalati da una ricca e curata vegetazione.

Qui al Mirogoj, nel “posto dove si coltiva la pace” in lingua croata, nel 1876 vennero riuniti gli antichi luoghi sepolcrali che dal Medio Evo erano sparsi nelle varie chiese parrocchiali. E l’architetto Herman Bollé (1845-1926) creò il cimitero di Zagabria.

Cupola del cimitero di Zagabria © Andrea Lessona

Cupola del cimitero di Zagabria © Andrea Lessona

Grazie alla purezza delle superfici come dei volumi, la struttura sembra un’architettura moderna. Un’apparente fortezza disegnata all’esterno da mura invalicabili mentre la luce interna del porticato apre una via verso l’immensità.

Tratteggiato da viali ombreggiati lungo cui riposano più di trecentomila persone, il cimitero di Zagabria è un luogo di tolleranza: diviso sin da subito in sezioni particolari secondo le confessioni.

Basta alzare gli occhi e guardare le cupole. Tutti i simboli religiosi incidono il rame verde: la croce cattolica, la croce ortodossa, la stella ebraica. Nonostante il tempo e i conflitti, sono ancora lassù.

Camminando nel verde del cimitero di Zagabria, incontro molti monumenti sepolcrali dall’alto valore artistico e di diversi stili. Tra loro quello di Franjo Tuđman (1922–1999), il primo presidente della Croazia.

Molti artigiani e artisti, in particolar modo quelli appartenuti alla scuola di Bollé, hanno lasciato opere di immenso valore. parecchie sono tombe anonime, ricordi di vite andate senza una storia.

Nella notte di Ognissanti o del Giorno dei Morti, migliaia di candele brillano per unirsi in una unica fiamma vicino la Grande Croce del cimitero di Zagabria. Ogni bagliore è ricordo tremulo per tutti.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Cimitero di Zagabria, il Mirogoj"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...