Museo dei cuori infranti, la Zagabria degli ex

di
Love al Museo dei cuori infranti, Zagabria © Andrea Lessona

Love al Museo dei cuori infranti, Zagabria © Andrea Lessona

Scrigno di amori finiti e ricordi sfiniti di parole dolci diventate amare, ninnoli dismessi come i pensieri di carta riflessi nelle teche. È il museo dei cuori infranti di Zagabria, una delle esibizioni più curiose della Croazia che si trova in via Sv. Cirila i Metoda 2.

L’idea di preservare un amore dalla sua fine, o forse solo di raccontarne la storia, nasce proprio da un amore finito: quello dell’artista Drazen Grubisic per la film maker Olinka Vistica.

Una volta separati, decisero di creare qualcosa perché quello che era finito non finisse: e fondarono il museo dei cuori infranti. Forse per guarire il loro. L’idea ebbe così tanto successo che diventò una mostra itinerante per il mondo.

Da nord a sud, da est a ovest le città in cui le anime triste vivono di ricordi sono infinite: Londra, Cape Town, Berlino, Singapore, San Francisco e Buenos Aires. Così, chiunque lo voglia, può dare un oggetto che ricordi un amore.

Nel museo dei cuori infranti di Zagabria c’è di tutto e di più in mostra: un nano, grossi seni finti, cellulari inutilizzabili, vecchi cappotti, scarpe con tacchi vertiginosi, libri dalla pagine strappate come fogli della vita da cui è stato rubato l’amore.

Aggirarsi tra le sale bianche, straboccanti di teche con stralci d’amore, è un po’ come violare l’interiorità altrui. Poi, pensando che questi oggetti sono stati donati volontariamente, mi rinfranco e vado avanti.

Di tutti, quello che preferisco al museo dei cuori infranti di Zagabria sono le pagine de “La Recherche” di Marcel Proust: il regalo di un innamorato attraverso le parole di un grande talento sofferente.

Un gesto volontario per mantenere viva la memoria involontaria: ricordare quell’istante in cui l’infinito si è fermato, e lo si è percepito nella braccia altrui mentre le labbra si sfioravano e i corpi fremevano.

Per approfondire:
Il sito del museo

I commenti all'articolo "Museo dei cuori infranti, la Zagabria degli ex"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...