Parco del Velebit, Croazia selvaggia

di
Parco Nazionale di Velibit, Croazia © Andrea Lessona

Parco Nazionale di Velibit, Croazia © Andrea Lessona

Sui sentieri aspri del parco del Velibit la jeep corre veloce. Seduto davanti, vicino all’autista, sento le gomme stridere sui sassi. Dal finestrino dell’auto li vedo cadere negli strapiombi intorno al polmone verde della Croazia.

Guardo questo ragazzo della Forestale guidare sicuro, e non posso che alzare il pollice in segno di “ok” per fargli capire quanto lo apprezzi: oltre al croato, non parla una parola di inglese né di italiano.

L’ho incontrato stamane al Centro del parco del Velebit nel villaggio di Krasno dove, sono stato accolto dalla proverbiale ospitalità di questa gente. Un banchetto di prodotti tipici locali ha preceduto l’ingresso nella hall.

Lì, una video proiezione ha raccontato la storia della zona. Nel 1978 il Monte Velibit viene incluso nel programma Man and Biosphere sotto il patrocinio dell’Unesco. Tre anni dopo, il parlamento di Zagabria proclama l’area Parco Naturale Nazionale. Nel 1999, con l’inserimento della parte nord, raggiunge i 109 chilometri quadrati d’estensione.

Picchi nel parco del Velebit, Croazia © Andrea Lessona

Picchi nel parco del Velebit, Croazia © Andrea Lessona

Quelli che, dopo essere salito sulla jeep del Best Driver – come lo chiamano qui –, sto attraversando. E’ la sua auto a guidare la lunga fila di macchine cariche di addetti del Parco del Velebit. Sono loro a monitorare e curare la zona.

L’asfalto cede presto il passo a stradine sterrate inerpicate tra il fitto della foresta della zona. Ogni tanto qua e là si apre una “finestra” da cui si possono intuire massicci montuosi di conformazione carsica.

In passato, durante i mesi più caldi, nel parco del Velebit piccole comunità originarie del versante marittimo: oggi non c’è più nessuno, e la Natura si è ripresa il suo spazio. Specie rare di farfalle e di rettili, aquile, linci, orsi sono i soli “proprietari”.

Il Best Driver continua la sua marcia, sempre in contatto con gli altri attraverso la ricetrasmittente. Spesso lo richiamano all’ordine: troppo veloce, tanto da costringermi ad appendermi alla maniglia per non finire dentro il finestrino.

Ci fermiamo per far passare due camion carichi di legna in mezzo al sentiero stretto. Dal ciglio della strada si gode una vista unica: arriva sino alla sommità delle montagne. A Modrić Dolac, 1480 metri d’altezza, c’è il giardino botanico del parco del Velebit.

La colonna riprende il suo cammino lungo la fine dell’are. Il sentiero inizia a declinare verso il mare, lasciando alle nostre spalle la foresta e le montagne per arrivare all’area geologica del Kubus sul versante dell’Adriatico. Le sue rocce trattengono conchiglie e reperti fossili di duecento milioni di anni fa.

Dalla collina del parco del Velebit, guardo l’orizzonte sfocare nelle acque porpora del tramonto: in lontananza scorgo l’isola di Pag. Oltre, c’è l’Italia.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Parco del Velebit, Croazia selvaggia"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...