Porta di pietra di Zagabria, la Kamenita vrata

di
La Porta di Pietra di Zagabria © Andrea Lessona

La Porta di Pietra di Zagabria © Andrea Lessona

Sotto la Porta di Pietra di Zagabria, le candele tremulano al vento che l’attraversa: bruciano cera e preghiere, quelle sussurrate da chi le ha accese nella speranza che la Madonna col bambino dipinta sul muro le esaudisca.

Lei è lì, col figlio di Dio in braccio, che guarda tutti materna dal XVI secolo quando un artista locale la dipinse. Oggi è protetta da un grata in ferro dietro cui continua a benedire quelli che le si avvicinano e la invocano.

Arrivano da ogni dove a visitare lei e la Porta di Pietra di Zagabria – l’ultima delle cinque medievali rimasta: sopravvisse al grande incendio del 1731. Allora il fuoco divampò ovunque, bruciando tutto: tranne la Madonnina col suo bimbo.

Le candele e i banchi della Porta di Pietra di Zagabria © Andrea Lessona

Le candele e i banchi della Porta di Pietra di Zagabria © Andrea Lessona

Così, durante la ricostruzione del passaggio che immette nella città alta, venne realizzata una cappella dove potesse essere salvaguardata e venerata da chi a ogni ora viene qui e la prega.

Nei secoli, la Porta di Pietra di Zagabria è diventata un luogo di pellegrinaggio in cui andare per rendere grazie alla Madre di Dio. Ogni giorno è un via vai di fedeli che diventano folla il 31 Maggio.

È quella la data in cui si celebra la capitale croata e anche la Madonna della Porta di Pietra di Zagabria, essendo Santa Maria la protettrice della città. Gente di ogni luogo si assiepa e le candele non bastano mai.

Si comprano sotto il passaggio: superata una vecchia porta, si accede in un sala dove dietro un vecchio bancone, vecchie suore le vendono. Prima con qualche kuna, ora con qualche centesimo di euro si acquistano di diverso peso e dimensione.

E poi si portano lì, dove all’angolo della Porta di Pietra di Zagabria, sono stati messi anche alcuni banchi per inginocchiarsi. Lì dove il vento diventa corrente e le preghiere e le speranze sembrano volare e arrivare prima.

Guardo la candela accesa per mio figlio: sembra brillare di più.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Porta di pietra di Zagabria, la Kamenita vrata"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...